martedì, ottobre 12, 2010

De-fininvestizzato

Quando ero ragazzino e frequentavo le scuole medie, Actarus guidava il potente Goldrake per salvare la Terra. Actarus combatteva su Rai 2 e i telegiornali erano pieni di polemiche sul ruolo educativo che dovrebbe essere proprio della televisione pubblica e sull'opportunità di trasmettere cartoni animati giapponesi così violenti e distanti dalla nostra cultura.
Anche se il dictat di mio padre era "massimo un'ora di TV al giorno", non me ne persi una puntata sacrificando ogni altra cosa che avrei voluto vedere.

Ero appena ragazzo quando comparve la televisione privata che, in confronto alla bulgara televisione di stato, era una boccata d'aria fresca.
Nel 1981, su Canale 5, Bo e Luke Duke scappavano dallo sceriffo Rosco P. Coltraine e Daisy, con i suoi immancabili shorts, popolava i primi sogni erotici dei ragazzini.

Luminosa, colorata, frizzante, ottimista e creativa. La TV privata non si poneva alcun obbiettivo culturale, non parlava di politica né si poneva la questione di rappresentare il mondo e, miracolo, non chiedevano il canone né alcun abbonamento. Gratis. Tutto quel ben di dio pagato tutto dalla pubblicità. E siccome la pubblicità aveva bisogno di essere trainata da programmi attraenti, era necessaro inventarne in continuazione.

Chi non si ricorda Drive In?

Ha lanciato il Cabaret in televisione, e con le sue battute ha condizionato un'intera generazionione. In corriera, per andare a scuola, non si poteva non citarle. E c'erano anche un po' di tette e culi piacevoli accompagnati da sorrisi sereni e splendenti. Una vera goduria, niente di meglio per un ragazzo delle superiori.

In poco tempo le televisioni Fininvest sono diventate 2 e poi 3. Finché qualcuno non ha cominciato a protestare per il duopolio e, pian pianino, sono nati MTV e Italia 7. Ma nessuno riusciva a battere il Berlusca.

Poi c'è stata la discesa in campo. Contemporaneamente (sarà un caso?) l'azienda diventava sempre più grande e grassa e, per investire un po' dei mostruosi proventi, ha cominciato a comprare supermercati, banche, assicurazioni, giornali, società editrici e tutto quello che si poteva trovare sul mercato.

L'aumento degli impegni (visto che non tutti i business funzionano al primo colpo) richiedeva, e richiede, un costante aumento del fatturato. Ma tutto andava ancora bene, fino a ché il mercato mondiale dei programmi televisivi (dai telefilm al calcio) era in via di sviluppo.
Quando il mercato dei diritti è divenuto sufficientemente maturo, acquistare programmi adatti a contenere la pubblicità ha cominciato a richiedere la partecipazione a gare sempre più costose.  Ed allora, è diventato necessario aumentare il fatturato aumentando il numero delle pubblicità, aumentandone ancora il volume audio, inserendo telepromozioni prima e televendite poi, e trovando sempre nuovi spazi in cui inserire gli spot, interrompendo 3 volte un programma per arrivare all'apoteosi di Striscia la Notizia che, una quindicina di minuti ascitto, diventa di quasi un'ora con stacchetti, sigle e sopratutto  interruzioni pubblicitarie.
La pubblicità, ovviamente, arriva anche ad inserirsi tra una parte del telegiornale e l'altra, costringendo i giornalisti a creare suspance per convincere gli spettatori ad attendere la seconda parte.

Ma poi, quanti prodotti industriali posso acquistare? Quanti oggetti posso desiderare? Fanno bene (a me, a mia moglie, ai miei figli) il cibo e le bevande pubblicizzati?

Non che io abbia tanto tempo per guardare la TV, ma un giorno mi sono trovato a cercare di seguire un film su canale 5 in periodo natalizio e, dopo la sesta pubblicità di orologi, ho guardato il mio e mi sono domandato se era ora di cambiarlo. Perché?
Il mio orologio segna l'ora, è esteticamente gradevole e, sopratutto, è il risultato di una selezione in cui ho comprato (o mi sono stati regalati) alcuni orologi molto diversi per fattura e tipologia e quello che indosso ha vinto per comfort, piacevolezza e solidità.

Come posso accettare che qualcun altro pasticci in questo modo con i miei desideri?

E poi, è possibile che un programma di meno di venti minuti netti, diventi quasi un'ora con tutti i riempitivi?

Ok, tocca spendere qualche soldo ma, in considerazione che ci sono 3 bambini in casa, non riesco a non considerarlo una necessità. Tre anni fa facciamo installare l'antenna satellitare e acquistiamo un abbonamento SKY, che non è una rete di suore della carità, ma un'azienda di mercato che, grazie a politiche differenti e più attuali, chiede un abbonamento in cambio di programmi televisivi  (contenenti poca, pochissima o nessuna pubblicità).
Abbiamo un vecchio televisore a tubo catodico ma ... cambiando casa abbiamo disdetto l'abbonamento e rifacendolo nella nuova ci siamo permessi il my-sky.
Il my-sky è un attrezzo che funge contemporaneamente da decoder satellitare, decoder digitale terrestre e videoregistratore. Registra su una propria memoria interna (un hard disk silenziosissimo) e consente di impostare le registrazioni partendo dalla guida programmi. Un bottone consente di "collegare" le serie e programmare la registrazione automatica di tutte le puntate di (ad esempio) un telefilm.

Il risultato è che sono almeno 3 anni che non guardo un canale Fininvest (Canale 5, Italia 1, Rete 4) se non incidentalmente, e ne sono felice. Si, ne sono così televisivamente felice che se capita una delle poche serate al mese in cui mi lascio andare allo zapping li evito come la peste. Ed anche se mi faccio attirare da un titolo che vedo nella guida programmi ... finisce che atterro in mezzo ad una pubblicità e sfuggo via più velocemente dello scivolare di una goccia di pioggia su un vetro ben pulito.

E quando mi ricordo che pago sia il canone Rai che l'abbonamento satellitare, mi rincuoro pensando che tuttosommato è un ragionevole prezzo da pagare per
  1. vedere i programmi che voglio, 
  2. quando voglio e sopratutto
  3. senza pubblicità

~

4 commenti:

saint andres ha detto...

Ottimo articolo è un po' la mia storia da quando ho preso SKY che come dici tu non è certo un'azienda di suore della carità però rimane che sono più di 2 anni che non guardo quasi più né Rai né Mediaset. Certo la pubblicità c'è anche sui canali di SKY ma per lo meno è possibile guardarsi un film senza dover andare a letto a mezzanotte per colpa della quantità astronomica di pubblicità che contengono invece altri canali.
Solo questo è un'ottimo incentivo.

Prossimo passo, a Natale, mySKY anche per me.

Aliza ha detto...

molto molto interessante, mi puoi dire quanto costa al mese?? io ho un vecchio televisore e non volevo comprare il decoder dalla rabbia che mi fanno i programmi e soprattutto la pubblicità...grazie e anch'io sono de-fininvestizzata da parecchi anni. Anni fà ho portato il televisore ad aggiustare ed il tecnico mi ha sintonizzato i canali a 1° Rai1 e così via fino al 6° con Italia1 stupito perchè non li avevo memorizzati di seguito ma li avevo relegati dopo tutte le TV regionali. Grazie ciao

Marco Marsilli ha detto...

@Saint Andres: io, a dire il vero, i canali Rai li frequanto ancora e trovo che certi programmai (Presa Diretta, Report, Che tempo che fa, Ulisse) siano ancora insuperati.

@Aliza: anch'io, sul digitale terrestre, ho spostato avanti tutti i canali Rai (7 per ora) lasciando tutti il resto dietro o non sintonizzato.
Per tornare al satellitare: Pago 18€ al mese di Sky senza cinema (che ri-aggiungerò per natale). Ho i canali 100 (di tutto un po'), 400 (documentari), 600 (cartoni compreso Disney) e solo il minimale dei canali 500 (news, ma tanto Bloomberg e simili non li guardavo mai lo stesso). Ho il decoder MySky (che richiede di predisporre due cavi di antenna dal satellite), senza HD (televisore vecchio). Ho acquistato la digital key (costo irrisorio una volta sola) che mi permette di guardare e registrare anche tutti i canali del digitale terrestre.
Non guardo lo sport in tv.

Ibadeth ha detto...

Idem, a parte che non ho Sky. Almeno, credo: il mio compagno ha comperato uno scatolotto tipo quello descritto da te, che probabilmente ti fa vedere qualcosa di Sky, ma l'abbonamento non l'abbiamo fatto. Ma a noi la Fininvest ci interessa poco: io guardo il programma di Frizzi e "Chi l'ha visto?", il mio compagno guarda qualche film qua e là... per noi il Berlusca potrebbe anche non esserci.

Mi sento fortunato